Tel 049 7801131 / Fax 049 8077145 | info@fidaspadova.itTel 049 8760266 / Cell 340 3217228 | info@fidaspadova.it 

L'ultima circolare del Ministero, in virtù della “disponibilità aumentata delle dosi”, dà mandato alle Regioni di attivarsi per avviare le somministrazioni ai donatori di sangue, una volta completata la fase che coinvolge le categorie più a rischio.

I donatori di sangue possono continuare a donare sangue ed emocomponenti anche se in zona arancione o rossa!

Infatti, le attività di donazione del sangue e degli emocomponenti rientrano tra le cosiddette "situazioni di necessità", pertanto i donatori di sangue sono liberi di uscire di casa per recarsi nei centri trasfusionali pubblici e associativi.

Nel modello di autodichiarazione alla voce "Altri motivi ammessi dalle vigenti normative..." dovranno riportare la specifica "Donazione di sangue ed emocomponenti".

 

 

 

Care Donatrici, Cari Donatori,

come riferitoci dai responsabili delle struttute trasfusionali, la curva del contagio sta diminuendo e la pressione della malattia COVID-19 sugli ospedali sta allentando: questo fa sì che si stia programmando, da parte delle Direzioni, la graduale ripresa delle attività chirurgiche in elezione, che si tradurrà in un aumento della richiesta di sangue.

E' il momento di riprendere a donare più di prima! Chiamateci per prenotare la vostra prossima donazione: 3403217228 (dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00)

Immagine introduttiva dell'articolo

 

Se la trasfusione è avvenuta in Italia non ci sono problemi: si potrà donare dopo 4 mesi dall'ultima trasfusione ricevuta. Se invece la trasfusione di sangue o somministrazione di emoderivati è avvenuta nel Regno Unito dal 1980 al 1996, non sarà possibile donare.

 

Il Centro Nazionale Sangue, in un nota inviata ai Responsabili delle Strutture Trasfusionali e alle Associazioni e Federazioni dei donatori di sangue, ha fornito le seguenti indicazioni in merito all'ammissione alla donazione dopo il vaccinoanti-Covid: