Tel 049 7801131 / Fax 049 8077145 | info@fidaspadova.itTel 049 8760266 / Cell 340 3217228 | info@fidaspadova.it 

Contatti

 

Indirizzo della sede:

 

Recapiti telefonici: 3403078893

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giorni e orari di apertura: il 1 martedì del mese dalle 21.00 alle 22.00

 

Componenti del Direttivo

 

Presidente: Dalla Montà Andrea
Vice Presidente: Marco Molon
Segretario: Roberto Bellini 
Tesoriere: Ruggero Masin
Consiglieri:  Luigi Vettore, Renzo Purgato, Marco Muraro, Fabrizio Griggio, Daniele Baccarin, Alessandro Sanvido.
Revisori dei Conti:  

Descrizione

Fondata nel 1972 da Luigi Vettore la sezione di Teolo Fidas Padova opera nel territorio collinare promuovendo ai residenti e non la cultura del sangue sottoforma di manifestazioni promossi in collaborazione con l’amministrazione comunale di Teolo e assieme ad altre associazioni di donatori volontari (aido e avis).
Si è deciso annualmente una giornata del donatore a settembre dove partecipano varie associazioni ricreative e permettendo ai più giovani un momento di gioia e divertimento.
Non manca l’attenzione per i giovani per i quali bisogna avere stima e fiducia; si invitano i neodonatori under 30 a partecipare al gruppo giovani provinciale poiché prima di essere FIDAS sono un gruppo di amici!

 

Iniziative annuali organizzate dalla sezione:

  • Cena sociale con la sottoscrizione a premi per tutti i donatori e sostenitori,
  • Gazebo in manifestazioni locali
  • Annualmente la Giornata del Donatore

News Sezione Teolo

Articolo Sezione Teolo Test

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura!

Tant' è amara che poco è più morte;
ma per trattar del ben ch'i' vi trovai,
dirò de l'altre cose ch'i' v'ho scorte.

Io non so ben ridir com' i' v'intrai,
tant' era pien di sonno a quel punto
che la verace via abbandonai.

Ma poi ch'i' fui al piè d'un colle giunto,
là dove terminava quella valle
che m'avea di paura il cor compunto,

guardai in alto e vidi le sue spalle
vestite già de' raggi del pianeta
che mena dritto altrui per ogne calle.

Allor fu la paura un poco queta,
che nel lago del cor m'era durata
la notte ch'i' passai con tanta pieta.


Leggi tutto...

torna all'inizio del contenuto